Giochi da Casinò

Le regole del baccarat

Pubblicato: Marzo 12th, 2021 di Antonio

Le regole del baccarat, italianizzato come baccarà, sono molto articolate e semplici e possono ricordare una via di mezzo tra poker texas hold’em e balckjack.

Il gioco del baccarat, è il classico gioco d’azzardo d’elitè, le cui regole, oltre ad aver dato vita ad una moltitudine di varianti, lo hanno reso particolarmente famoso nel mondo del gioco professionale, soprattutto nella prima metà de novecento, poiché, oltre alla fortuna, alla base del gioco d’azzardo, richiede anche anche una certa abilità tecnica che, potenzialmente, permette ad un buon giocatore, di ottenere una vittoria anche se questi non è in possesso di una così detta mano vincente, e allo stesso tempo, è possibile perdere avendo in mano le migliori carte del gioco.

Al tavolo di baccarat, così come accade anche al tavolo verde del poker, va in scena non solo un gioco di carte francesi, ma anche un sottile gioco psicologico, in cui i giocatori si studiano a vicenda per ottenere la vittoria.

Le regole del baccarat sono tante e diverse, quante sono diverse le varianti del gioco, ognuna dotata di un proprio sistema di regole, più o meno simili tra loro.

In questo articolo parleremo delle regole del baccarat, un gioco che sembra aver avuto origine in Francia, come ci suggerisce il suo nome legato ad una regione della francia nord occidentale, ma secondo alcuni si basa sulle regole di altri giochi più antichi.

Qualche informazione sul gioco del baccarat

Non si sa esattamente quando il gioco del baccarat sia arrivato in europa, ciò che è certo è che nel XIX secolo le regole del baccarat erano molto diffuse in francia ed europa, e il gioco era praticato nella maggior parte dei casinò di lusso e delle case da gioco dell’epoca.

Sul come, quando e da dove sia arrivato il gioco in europa, ci sono teorie differenti e, secondo la più famosa di queste, il gioco del baccarat potrebbe essere una delle varianti sviluppate nel XIX secolo di un gioco arrivato in europa, dall’oriente, molto probabilmente da Macao in Cina, intorno al XV secolo.

In quel periodo gli scambi ed i contatti tra Francia e Cina erano molto intensi e a Macao c’era un gran numero di aristocratici francesi, e secondo questa teoria, sarebbe stato proprio uno di loro ad imparare le regole del baccarat o comunque di un gioco molto simile al baccarat, e portarle in europa, dove sembra che il gioco abbia incontrato il favore e le simpatie della corte reale di Carlo VIII.

Come tutti i giochi d’azzardo e da casinò, anche il baccarat, ha subito nel tempo alcune variazioni, che in alcuni casi prevedono l’utilizzo di regole del baccarat solo lievemente modificate rispetto alla versione classica del gioco, in altri casi invece, sono previste regole e meccaniche di gioco totalmente differenti.

Il gioco del baccarat oggi è considerato uno dei classici del gioco d’azzardo, e del gioco d’azzardo ad alto livello, e detiene un posto d’onore nell’immaginario collettivo legato al mondo del gioco.

La grande popolarità del baccarat negli anni 50, ha fatto sì che lo scrittore britannico Ian Flaming, scegliesse questo gioco come cardine del romanzo Casinò Royale del 1953. Si tratta del romanzo in cui per la prima volta appare l’agente segreto britannico James Bond, e per semplificare l’immersione dei giocatori nel racconto, nell’anteprima del romanzo, è stata inserita una guida al gioco del baccarat.

Il gioco del baccarat viene mostrato anche nel primo adattamento televisivo del romanzo Casinò Royale, e viene citato anche in altri capitoli della saga, tuttavia, nel 2006 quando è stato realizzato un nuovo adattamento cinematografico del romanzo, la produzione, vista la grande popolarità del gioco del poker in quegli anni, decise di sostituire il tavolo da baccarat con un tavolo di Texas Hold’em, una delle più popolari varianti del gioco del poker.

Le Regole del baccarat

Il gioco del baccarat è un gioco a turni, in cui le azioni di gioco si svolgono per un giocatore alla volta, in maniera molto simile a come accade per il poker e il blackjack e diversamente da quanto accade in giochi come il craps o la roulette.

Per giocare a baccarat sono necessarie delle carte francesi e convenzionalmente si gioca con sei mazzi di carte francesi, esclusi i jolly, il numero di giocatori invece è variabile e può andare da un minimo di due, dove un giocatore tiene il banco e l’altro gioca contro il banco, ad un massimo imprecisato che può dipendere dalle regole del singolo tavolo del casinò.

Se si gioca al casinò il banco è tenuto da un croupier, collocato nella postazione centrale del tavolo, mentre gli altri giocatori si dispongono alla destra o sinistra del croupier, in apposite sezioni chiamate tableaux.

Una volta iniziato il gioco, un giocatore per volta, chiamato puntatore, può giocare le proprie carte contro il banco, finché non perde, e quando questo avviene passa la mano al giocatore successivo. Prima che il gioco abbia inizio i giocatori fanno le proprie puntate ed il primo a puntare è il giocatore che deve giocare contro il banco.

Una volta terminate le puntate, il banco da le carte distribuendo una carta per giocatore, finché tutti i giocatori, compreso il banco, non hanno in mano due carte.

Quando tutti i giocatori hanno in mano due carte, come avviene anche nel poker texas hold’em, possono scegliere di stare, ovvero non chiedere altre carte, o aprire, ricevendo dal banco una nuova carta, questa volta scoperta. Se invece il punteggio complessivo delle carte coperte di un giocatore è 8 o 9, il giocatore può decidere di battere, ovvero scoprire le proprie carte.

Quando tutti i giocatori hanno scoperto le proprie carte il gioco termina e il banco ritira le fiches dei giocatori che hanno perso e paga i vincitori, ovvero i giocatori che hanno vinto.

Vincere a baccarat

Indipendentemente dalle regole del tavolo o della versione di baccarat a cui si sta giocando, alcune meccaniche di gioco sono costanti, come il valore delle carte ed il sistema di punteggio.

Nel baccarat ogni carta ha un valore tra compreso tra 0 e 9 determinato dal il valore nominale della carta, indipendentemente dal seme, gli assi valgono uno, i due valgono due, e così via fino al nove, mentre i dieci e le figure valgono 0.

Il punteggio di una mano a baccarat, come avviene anche nel blackjack, è determinato dalla somma del punteggio delle singole carte, tuttavia, se il valore della mano è superiore a 10, la prima cifra viene rimossa ed il valore della mano equivale a zero.

Per ottenere la vittoria a baccarat, un giocatore deve, con il minor numero di carte possibili, avvicinarsi il più possibile al punteggio di 9 e avere un punteggio più alto del banco.

Il punteggio di una mano dipende sia dal valore delle carte che dal numero di carte che un giocatore ha in mano, e ciò significa che una mano da due carte con un punteggio pari ad 8 vale più di una mano da tre carte con punteggio pari a 9.

Le fiches o chips

Nel gioco del baccarat, le puntate vengono eseguite attraverso l’uso delle fiches, dischi in plastica o altri materiali che rappresentano un valore monetario.

Per giocare a baccarat al tavolo di un casinò i giocatori devono disporre delle fiches necessarie per coprire almeno una puntata minima e possono acquistare le fiches alla cassa del casinò. Una volta terminato il gioco i giocatori possono riconsegnare le fiches e ottenere il corrispettivo in denaro, delle fiches consegnate, con cambio 1:1.

I casinò, per legge, hanno l’obbligo di garantire una copertura a tutte le proprie fiches in circolazione. Se quindi un casinò ha in circolazione fiches per un valore di due milioni di dollari, nella cassaforte del casinò dovranno esserci almeno due milioni di dollari.

Questo particolare è stato utilizzato come escamotage narrativo alla base del film Ocean’s Eleven, nel quale, una banda di truffatori e rapinatori, rapina il casinò Bellagio, nella cui cassaforte è conservato il denaro a garanzia delle fiches distribuite dai casinò Bellagio, MGM Resorts e Mirage.

Varianti del baccarat

Come la maggior parte dei giochi da casinò, anche le regole del baccarat hanno subito numerose variazioni e personalizzazioni operate dai casinò. Nella maggior parte dei casi, le regole modificate del baccarat hanno portato alla nascita di versioni semplificate del gioco, più adatte ai giocatori meno esperti, in altri casi invece, le regole del baccarat sono state modificate così tanto da portare alla nascita giochi totalmente diversi.

Baccarat Punto banco

Una delle varianti più famose e apprezzate del baccarat è il baccarat punto bianco, si tratta di una variante del baccarat classico nata nel nord america e che si è rapidamente diffusa in tutto il mondo.

In questa variante del gioco i giocatori, prima dell’inizio del gioco possono puntare sui giocatori, sul banco o su un pareggio. La puntata sul giocatore è chiamata punto mentre la puntata sul banco è chiamata banco, da qui il nome della variante Baccarat Punto Banco. La puntata sul pareggio è quella con la quotazione migliore, poiché si tratta del più improbabile dei tre scenari.

Una volta piazzate le puntate, il banco procede con la distribuzione delle carte, assegnando una carta per giocatore finché tutti i giocatori, compreso il banco non hanno due carte, e se uno dei giocatori ha in mano una mano dal valore di 8 o 9, il gioco termina con la vittoria del punto se l’8 o 9 è stato realizzato dal giocatore, con la vittoria del banco se 8 o 9 è il punteggio del banco, e con un pareggio se un giocatore e il banco hanno lo stesso punteggio.

In caso contrario il gioco va avanti e se il punteggio nella mano di un giocatore è pari a 6 o 7 non vengono pescate altre carte, se invece il punteggio è inferiore a 6, il giocatore riceve una nuova carta e a questo punto il gioco passa al banco che, se in mano ha 6 o 7 non pesca altre carte, se invece ha in mano un valore inferiore a 6, riceve una carta aggiuntiva.

Quando il turno del banco finisce, giocatore e banco scoprono le proprie mani e il giocatore con il punteggio più vicino a 9 vince. In caso di vittoria del giocatore, viene pagato chi ha scommesso sul punto, in caso di vittoria del banco viene pagato chi ha scommesso sul banco e in caso di pareggio viene pagato chi ha scommesso sul pareggio.

Baccarat on-Line e app di gioco

Dalla metà fine degli anni novanta, come moltissimi alti giochi d’azzardo, anche il baccarat e tutte le sue varianti, è diventato di grande tendenza on-line, dove, grazie alla sempre maggiore diffusione di internet è diventato uno dei protagonisti dei portali di gioco on-line e dei casinò virtuali.

Dai primi anni duemila, molti casinò si sono infatti affacciati al mondo del gioco on-line, creando propri portali di gioco digitale, come il casinò Wyn di Las Vegas, il casinò di Sanremo, il casinò di Venezia e tanti altri casinò nel mondo, su cui i giocatori, una volta iscritti, possono giocare a poker, blackjack, scommettere alla roulette o giocare a baccarat, sia nella versione tradizionale che nella rivisitazione nota come punto banco.

Il baccarat on-line permette ai giocatori di avere sessioni di gioco virtuale o di live game, mettendosi in coda ad un tavolo virtuale, e giocare, insieme ad altri giocatori, croupier, ad un vero tavolo, in un vero casinò.

Nel live game, il croupier distribuisce le carte, e i giocatori utilizzano da remoto carte reali presenti sul tavolo, il tutto controllato a vista da telecamere che garantiscono la correttezza del gioco.

Oltre al live-game, sono inoltre presenti innumerevoli app di gioco dove il tavolo e il mazzo di carte sono gestiti da un software e un intelligenza artificiale tiene il banco.

Per molto tempo, molti giocatori sono stati scettici alla possibilità di giocare contro un programma, tuttavia, grazie a sistemi di certificazione come l’italiana aams, oggi i giocatori hanno la certezza che non vi sia alcun tipo di irregolarità, sui portali certificati, e possono giocare in piena sicurezza e tranquillità ai propri giochi preferiti, vivendo così l’esperienza di una notte al casinò, stando comodamente seduti in poltrona.

Il Baccarat on-line in italia è regolamentata dall’AAMS

Il nostro voto

Info sull'autore

Antonio

Lascia un commento