Giochi da Casinò

Le regole del blackjack o gioco del 21

Le regole del Blackjack sono molto semplici e intuitive, e per questo motivo il gioco del Blackjack è uno dei giochi di carte più amati e fortunati nel mondo dei casinò, al punto da diventare, insieme al poker, e al gioco dei dadi, uno dei giochi più iconici del mondo del gioco d’azzardo.

Il gioco del blackjack, è il classico gioco d’azzardo, le cui regole, che possono variare a seconda della variante, lo hanno reso particolarmente famoso nella cultura popolare e nell’immaginario collettivo, poiché oltre alla fortuna, alla base del gioco d’azzardo, il blackjack richiede anche anche una componente tecnica che, potenzialmente, permette ad un buon giocatore, di costruire una mano vincente e massimizzare la vittoria, sulla base di rigide e precise regole matematiche.

Al tavolo da blackjack va in scena non solo un gioco di carte, ma anche un complesso e continuo calcolo matematico, con cui il giocatore calcola e ricalcola di continuo le probabilità di vittoria.

In questo articolo parleremo delle regole del blackjack classico, noto anche il gioco del 21.

Qualche informazione sul gioco del blackjack

Il blackjack non è un semplice gioco di carte, ma un intera famiglia di giochi di carte, con una struttura ed un sistema di regole simili, ed un unica regola per la vittoria, condivisa da tutte le varianti del gioco adottate dai vari casinò. Per vincere a Blackjack, bisogna avere sul tavolo una combinazione di due o più carte che si avvicinino il più possibile, senza superarlo, al valore di 21, e questa combinazione deve essere migliore di quella del banco.

Indipendentemente dalle regole del blackjack adottate dal banco o dal casinò nel quale si gioca, alcune regole di base saranno sempre comuni, come ad esempio la tipologia e numero di carte da usare.

Nella versione classica del blackjack il numero di giocatori massimo ad un singolo tavolo è di sette ai quali si aggiunge il banco, mentre il numero minimo è di un giocatore contro il banco.

Il banco gioca per conto del casinò o del tavolo, gioca sempre da mazziere, quindi distribuisce le carte agli altri giocatori, oltre che a se stesso.

Le carte da gioco da usare per giocare a blackjack sono le carte francesi, dal cui mazzo vanno rimossi i Jolly, e per convenzione vanno usati almeno due mazzi contemporaneamente, ciò significa che a blackjack si gioca con un minimo di 104 carte, non vi sono invece regole specifiche o limitazioni sul numero massimo di mazzi che possono essere utilizzate.

Le Regole del blackjack classico

Se si gioca con le regole del blackjack classico, ogni giocatore al tavolo avrà sul tavolo, scoperte, un minimo di due carte.

Prima che le carte vengano distribuite, i giocatori fanno la propria puntata di ingresso, il cui valore minimo può essere fissato dal tavolo.

Quando tutti i giocatori hanno fatto la propria puntata, il croupier o mazziere, inizia la distribuzione delle carte, procedendo in senso orario, fino ad assegnare a tutti i giocatori due carte che, i giocatori, terranno scoperte sul tavolo, il mazziere, che gioca per il banco, terrà scoperta dalla propria parte del tavolo, un unica carta.

Se la carta del gioco è un Asso, i giocatori possono ricorrere ad un azione straordinaria, chiamata assicurazione.

Quando tutti i giocatori hanno visto proprie carte, possono eseguire tre azioni di gioco che dipendono e variano molto a seconda delle carte che hanno a disposizione, queste azioni sono la chiamata, lo split e il raddoppio.

Se infine il giocatore realizza un blackjack, viene pagato con rapporto 3:2 ovvero una volta e mezza la posta iniziale.

Il valore delle carte nel Blackjack

Il valore delle carte nel blackjack è determinato, indipendentemente dal seme, dal punteggio assegnato alle carte, il cui valore va da 1 ad 11, e corrisponde al valore numerico della carta, per le figure, che non hanno un valore numerico, il loro punteggio è fissato a dieci, mentre gli assi hanno un valore variabile che può essere 1 o 11 a seconda della carta che viene affiancata all’asso.

L’asso nel Blackjack

Se l’asso viene affiancato da una carta di valore compreso tra 2 e 9, allora l’asso varrà 1, se invece viene affiancato da una carta di valore 10, che può essere un dieci o una figura, allora l’asso varrà 11 e la mano, nel suo complesso varrà 21, che costituisce il blackjack. Se invece un giocatore si ritrova ad avere in mano due assi, può eseguire uno split e dividere la mano in due, e su ognuna delle due mani potrà eseguire una sola chiamata. Se invece non viene eseguito lo split, la mano ha valore 2 e il giocatore può fare tutte le chiamate che desidera.

Blackjack

Nelle regole del blackjack è prevista una combinazione vincente che consente al giocatore di essere pagato una volta e mezza la posta, questa combinazione è chiamata blackjack ed è costituita da un asso e una carta di valore dieci, in modo che la mano, con sole due carte, abbia in mano un 21.

Quando un giocatore ha in mano un blackjack, le probabilità che questi possa registrare una vittoria sono molto alte, tuttavia, il blackjack non garantisce la vittoria, e se anche il banco realizza un blackjack, allora la mano è considerata alla pari e il giocatore riceve indietro la puntata.

Assicurazione

Quando il mazziere ha terminato la distribuzione delle carte ai giocatori e mostrato la prima carta del banco, se questa carta è un asso, e di conseguenza si paventa per il giocatore la possibilità che il banco possa ottenere un blackjack, i giocatori possono fare ricorso all’assicurazione. Si tratta di una puntata supplementare, dal valore pari alla metà della puntata iniziale, che consente loro, in caso di blackjack da parte del banco di essere risarciti dell’assicurazione pari al doppio dell’assicurazione versata, mentre la posta viene regolarmente pagata.

Grazie all’assicurazione, se il banco fa un blackjack, il giocatore perderà soltanto metà della puntata, diversamente, se il banco dovesse vincere con una qualsiasi altra mano, il giocatore perderà sia la posta che l’assicurazione.

La chiamata

Dopo che i giocatori hanno esaminato le proprie carte, possono effettuare una chiamata. Se il giocatore effettua una chiamata, il banco estrarrà per loro un altra carta dal mazzo, il cui valore si sommerà a quello delle altre carte sul tavolo, e determinerà un incremento del valore della mano del giocatore. Ogni giocatore può eseguire un numero illimitato di chiamate, fino a quando la somma delle proprie carte non si avvicina il più possibile, senza superare il valore dei 21. Se infatti il valore della mano supera il 21, il giocatore perde automaticamente.

Se però il giocatore ha raddoppiato, la propria puntata, potrà effettuare una singola chiamata.

Se la mano del giocatore vale 21, il gioco passa al banco che estrarrà un certo numero di carte, fino a quando la sua mano non si avvicinerà il più possibile o supererà il 21 e quando il banco si ferma, la mano più vicina al valore di 21, viene pagata. Se si tratta della mano del giocatore, il giocatore riceve indietro la propria posta, più un valore analogo pagato dal banco, se invece a vincere è il banco, il giocatore dovrà pagare la posta. Se in fine il banco supera il valore di 21, il giocatore vince automaticamente la partita, e si dirà che il banco ha sballato.

Il Sabot

Il sabot, sul tavolo da blackjack, è uno strumento che contiene il mazzo di gioco e divide le carte giocabili da quelle escluse dal gioco mediante un divisore. Il sabot e il divisore hanno il compito di impedire che qualcuno possa barare.

Il contenitore serve infatti ad impedire che il croupier o un giocatore possano manomettere o alterare il mazzo, impedendo così che qualcuno possa barare forzando determinate carte durante il gioco, mentre il divisore serve anche ad impedire o comunque cercare di contrastare il più possibile il conteggio delle carte limitando le carte del mazzo che possono essere giocate.

Grazie al divisore del sabot infatti non tutte le carte del mazzo vengono giocate e questo riduce le probabilità dei giocatori di prevedere la mano successiva, poiché la maggior parte delle tecniche di conteggio delle carte, si basano su regole e calcoli statistici, che sono più efficaci quando più alto è il numero di carte giocato.

Le puntate a blackjack

Nel blackjack il giocatore un unica puntata ad inizio partita, in seguito, se il valore della sua mano di apertura formata da due carte avrà realizzato un punteggio compreso tra 9 ed 11, il giocatore potrà raddoppiare la propria puntata e, una volta raddoppiato, potrà fare una singola chiamata.

Oltre alla puntata di apertura e al raddoppio, il giocatore può ricorrere all’assicurazione, che può essere attivata solo se la prima carta del banco è un asso.

Le Fiches

Per sedere al tavolo da blackjack e iniziare a giocare è necessario che il giocatore disponga di abbastanza fiche da coprire almeno una puntata, e, durante il gioco, le fiches di un giocatore possono aumentare o diminuire, a seconda della sua fortuna e abilità.

Nel gioco del blackjack, soprattutto nei casinò, le puntate vengono eseguite attraverso l’uso delle fiches, ovvero dei dischi o piastre di metallo, plastica o altri materiali, sulle quali è raffigurato un valore monetario che generalmente vengono acquistate alla cassa del casinò o vinte al gioco.

Una volta terminato il gioco, il giocatore può consegnare le fiches alla cassa ed avere il corrispettivo in denaro delle fiches consegnate. Questo avviene soprattutto nei casinò, i quali, per legge, hanno l’obbligo di garantire una copertura a tutte le proprie fiches in circolazione.

Questo particolare è stato utilizzato come escamotage narrativo alla base del film Ocean’s Eleven, nel quale, una banda di truffatori e rapinatori, rapina il casinò Bellagio, nella cui cassaforte è conservato il denaro a garanzia delle fiches distribuite dai casinò Bellagio, MGM Resorts e Mirage.

Blackjack On-Line e app di gioco

Dalla metà fine degli anni novanta, come per altri giochi, anche il blackjack on-line ha conosciuto una certa fortuna, grazie alla diffusione di numerosi siti web di gioco on-line e app di gioco.

Dai primi anni duemila, molti casinò si sono affacciati al mondo del gioco on-line, creando propri portali di gioco digitale, come il casinò Wyn e casinò di venezia, sul cui portale e con le cui app, gli utenti possono giocare a poker e blackjack con altri giocatori da tutto il mondo o possono effettuare puntate e scommesse usando denaro reale e fiches cirtuali.

Vi sono poi innumerevoli portali di gioco ed app con cui è possibile giocare gratuitamente, senza alcun montepremi reale, per il semplice gusto di giocare.

Il Blackjack on-line in italia è regolamentato dall’aams

Conteggio delle carte a Black Jack

Il conteggio delle carte è una delle strategie di gioco più utilizzate e diffuse nel mondo del gioco d’azzardo, in particolare applicata al blackjack, dove la conta è semplificata rispetto ad altri giochi grazie alla totale trasparenza delle varie mani, e alla parziale staticità del mazzo durante il gioco, cosa che permette ai giocatori di sapere esattamente quali carte sono state estratte e quali devono ancora essere giocate. Grazie al conteggio delle carte i giocatori possono decidere se e quanto puntare, con maggiore sicurezza in modo tale da massimizzare le vincite e minimizzare le perdite.

Le tecniche per contare le carte di per se non sono molto complicate, ma richiedono spesso una buona memoria e abilità matematiche. Tra le tante tecniche di conteggio, quella denominata Hi-Lo è forse una delle più famose, ben descritta nel film 21, la cui storia ruota attorno al gioco del blackjack e del conteggio delle carte.

Alcune tecniche di conteggio delle carte, sono vietate da molti casinò, anche se non sempre sono illegali e se un giocatore viene individuato a contare le carte, da solo o con dei complici, come nel film 21, può essere espulso dal casinò.

La Tecnica hi-lo

Nel 2012 la tecnica hi-lo è stata dichiarata legale in tutti gli stati uniti d’america, tuttavia, per molti casinò, il suo utilizzo costituisce ancora un danno ai propri interessi, e possono decidere di espellere un giocatore se si sospetta utilizzi questa tecnica.

Nella tecnica hi-lo il giocatore non habisogno di conoscere le carte già estratte, ma attribuisce un valore numerico alle carte estratte dal croupier, pari ad 1 per le carte comprese tra 2 e 6, 0 per le carte comprese tra 7 e 9 e di -1 per le figure, questo numero viene sommato al valore della mano precedente, 0 se si tratta del primo giro, e il risultato finale viene posto in rapporto alla percentuale di carte ancora da giocare permettendo così al giocatore di avere una stima più o meno precisa del valore della mano successiva, e sulla base di questa stima il giocatore sarà in grado di stabilire se si tratterà di una mano potenzialmente vincente o meno, e dunque puntare di conseguenza.

Il nostro voto

Info sull'autore

Antonio

Lascia un commento