Cinema

Film 21

Pubblicato: Novembre 25th, 2020 di Antonio

Il film 21 di Robert Luketic, del 2008 è un film tratto da una storia vera, che racconta, in chiave romanzate, alcune delle vicende del MIT BlackJack Team, un gruppo di studenti del MIT che, grazie alla tecnica del conteggio delle carte nel BlackJack, riusì, tra gli anni ottanta ed i primi anni novanta, a sbancare numerosi casinò negli Stati Uniti, da Las Vegas ad Atlantic City.

Si tratta di un film complicato, drammatico, con sfumature umoristiche, che ruota totalmente attorno al mondo del gioco del BlackJack professionale ad altissimo livello, e, per questa sua complessità il film ha riscosso un discreto successo tra il grande pubblico e nel mondo della critica ha riscosso recensioni contrastanti, ottenendo circa il 36% di recensioni positive ed una media di 5,3 sull’aggregatore di recensioni numero uno negli USA, Rotten Tomatoes.

Il film 21 è stato molto apprezzato soprattutto dagli appassionati del mondo del gioco, in particolare tra gli appassionati di BlackJack.
La distribuzione del film è iniziata nella primavera del 2008, con la prima proiezione negli usa il 28 marzo e quella in italia il 18 aprile 2008 ed è stato distribuito come DVD e Blue Ray, già dal luglio del 2008.

MIT BlackJack Team

Il MIT Blackjack Team, è stato un gruppo di studenti ed ex studenti del MIT, il Massachussetts Institute of Tecnology, della Harvard Business School e dalla Harvard Università, e altri importanti istituti universitari statunitensi, che, usando la tecnica del conteggio delle carte, riuscirono ad elaborare alcune sofisticate tecniche che permettevano loro di battere i casinò di tutto il mondo, al gioco del Blackjack.

Le tecniche utilizzate dai ragazzi del MBT avevano un unica precondizione necessaria, per funzionare, era necessario che dall’altra parte non si barasse, e proprio per questo motivo, misero in scena la propria abilità ai tavoli dei più importanti e rinomati casinò del mondo, piuttosto che tavoli privati di cui non era garantito il corretto svolgimento del gioco.

I ragazzi del MBT hanno operato quasi del tutto indisturbati tra il 1979 e gli inizi degli anni 2000, ed hanno ispirato la nascita e l’organizzazione di numerose altre squadre di Blackjack il cui obiettivo era quello di battere i casinò al gioco del 21.

Regole del Black Jack

Generalmente il tavolo da blackjack prevede l’utilizzo di un sabot, un contenitore dal quale il mazziere può pescare le carte, formato da due mazzi di carte francesi per un totale di circa 104 carte, sono quindi esclusi i Jolly, le varie carte hanno un valore corrispondente al proprio numero, senza discriminante di seme o colore, mentre le figure valgono tutte dieci e gli assi possono valere 1 o 11.

Il punteggio della mano è determinato dalla somma del valore delle carte e vince chi si avvicina maggiormente al 21, motivo per il quale il blackjack è anche chiamato gioco del ventuno. Se però si supera tale valore, si dice che il giocatore o il banco, “sballa” e perde automaticamente, con conseguente pagamento di tutte le puntate rimaste sul tavolo.

La combinazione migliore, ma che non garantisce la vittoria, è determinata da asso e un dieci o una figura, in questo modo, con sole due carte, si ottiene un 21, vincente solo se l’avversario non totalizza anch’esso 21, con la somma di due o più carte.

Conteggio delle carte a Black Jack

Il conteggio delle carte è una delle strategie più utilizzate e diffuse nel mondo gioco d’azzardo, in particolare applicata al blackjack, il gioco del 21, e permette di determinare se la mano successiva darà un vantaggio al giocatore o al banco, in questo modo, i giocatori possono decidere se e quanto puntare, con maggiore sicurezza in modo tale da massimizzare le vincite e minimizzare le perdite.
La tecnica di per se non è molto complicata, richiede tuttavia una buona memoria e abilità matematiche.

Nel caso del blackjack, il conteggio è semplificato rispetto ad altri giochi, il numero delle carte presenti sul tavolo è fisso e le carte vengono mescolate un unica volta all’inizio del gioco e si continua a giocare, tra una mano e l’altra, utilizzando le carte rimanenti nel mazzo.

Questo permette ai giocatori di conoscere le carte che sono state già pescate e che, di conseguenza, non potranno più essere ripescate fino a quando il mazzo non verrà rimescolato, cosa che solitamente avviene quando il mazzo raggiunge il divisorio che solitamente è posizionato verso la metà del sabot, lo strumento che nel gioco del blackjack contiene solitamente due mazzi di carte francesi separati tra loro.

Lo scopo del divisorio è quello di spezzare il mazzo in modo tale da contrastare il più possibile il conteggio delle carte, la cui efficacia è maggiore, quante più carte del singolo mazzo saranno in gioco. Se quindi si usa un quarto del mazzo prima di rimescolarlo, si determina un vantaggio per il banco, se invece si utilizzano tre quarti di mazzo prima di rimescolarlo, si viene a determinare una situazione di vantaggio per il giocatore.

La Produzione del film 21

Gli autori del film, nelle prime fasi di pre-produzione del film 21, erano preoccupati dalla possibile reazione dei casinò, e rimasero particolarmente sorpresi nello scoprire che il film sarebbe stato finanziato dalla MGM Studios, che, negli anni ottanta e primi anni novanta, attraverso la MGM Resorts International, possedeva diversi casinò di Las Vegas, molti dei quali erano stati all’epoca, sbancati dal vero MBT.

Nel 2007 però la MGM Resorts International di Kirk Kerkorian, proprietaria di diversi Megaresorts di Las Vegas, come il Casinò Bellagio e il Casinò Mirage, non aveva più alcun legame con la MGM Studios.

La produzione del film 21 è iniziata nel 2006 mentre le riprese sono iniziate nel marzo 2007, proprio a Las Vegas. Le scene di gioco, che costituiscono le scene più importanti dell’intera pellicola, sono state registrate presso alcuni casinò della città del gioco d’azzardo, tra cui il Planet Hollywood Resort & Casinò, il Red Rock Casinò e l’Hard Rock Casinò, altre scene invece, come quelle ambientate al MIT sono state girate presso l’Harvard Medical School, il Christian Science Center di Boston e la Boston University, poiché il MIT non ha dato il permesso alla produzione di effettuare riprese nel proprio campus universitario.

Oltre a Jim Sturgess, che veste i panni del protagonista Ben Campbell, nel cast figurano attori come Kevin Spacey, nei panni del professore Micky Rosa e Laurence Fisburne III, nei panni di Cole Williams, capo della sicurezza di uno dei casinò di Las Vegas sbancati dal MBT.

La Trama del film Casinò Royale

La trama del film 21 segue le vicende di Ben Campbell, un brillante e geniale studente americano, con un futuro promettente da medico, che necessita di una borsa di studio per poter frequentare la Harvard Medical School, una delle scuole di medicina più prestigiose degli Stati Uniti. Dopo aver presentato domanda di ammissione Campbell viene accettato, ma non riceve una borsa di studio e si ritrova a dover trovare circa 300.000 dollari per la tassa d’iscrizione alla prestigiosa università.

Alla ricerca di una borsa di studio, Ben partecipa alla competizione per accedere alla prestigiosa borsa Robinson, che viene assegnata ad un solo studente all’anno e copre i costi universitari per l’intero percorso di studi. Campbell viene informato dal direttore della borsa Robinson che l’assegnazione, per quell’anno, a causa della forte concorrenza, sarebbe stata assegnata allo studente più meritevole e con l’esperienza di vita più affascinante. Ben inizia così raccontargli la sua storia, di quando era uno studente del MIT.

L’ingresso nel MIT blackjack team

Con un flashback introdotto dal racconto, il film 21 ci catapulta indietro nel tempo a quando Ben Campbell era un giovane studente del MIT di Boston e grazie alla sua incredibile abilità matematica era stato notato dal professor Mickey Rosa. Il professor Rosa è alla guida di un team di Blackjack, e dopo aver sottoposto a Campbell il problema di Monty Hall, che Ben risolve senza troppe difficoltà, Rosa invita Ben ad entrare a far parte del proprio team.

Si tratta di un gruppo di studenti particolarmente dotati, composto da Choi, Fisher, Jill e Kianna. Il team di Rosa ha elaborato un complesso sistema di conteggio delle carte da gioco, che consente che garantisce loro una percentuale elevatissima di vittorie al tavolo da blackjack, e di sbancare, letteralmente, i tavoli di blackjack.

Inizialmente il giovane Campbell rifiuta l’offerta, successivamente però, in seguito ad una conversazione con Jill che gli ricorda che le possibilità di ottenere una borsa di studio per il MIT sono molto basse, Campbell si lascia convincere ed accetta di entrare nel blackjack team di Rosa.

Il gruppo, ormai al completo, inizia così a recarsi regolarmente ogni week-end a Las Vegas, utilizzando documenti e nomi falsi, così da non essere riconosciuti e in poco tempo il team riesce a guadagnare enormi somme di denaro.

Il MBT a Las Vegas

Per massimizzare le vittorie e limitare i sospetti della sicurezza, i ragazzi entrano nei casinò separatamente, fingendo di non conoscersi e dividendosi in due gruppi, i primi sono gli “esploratori” il cui compito è quello di giocare al minimo e contare le carte, per poi essere raggiunti e sostituiti dai “puntatori” che raggiungono il tavolo per fare alte puntate quando le probabilità di vittoria per il giocatore iniziano ad aumentare.

Il professor Rosa non gioca, ma dirige e finanzia il gruppo, per poi prendere una percentuale delle vittorie, il 50% dei soldi va al professor Rosa, mentre il restante 50 % viene diviso tra i ragazzi.
Sembra andare tutto per il meglio, quando una sera, dopo essersi ubriacato, Fisher compromette la serata e di conseguenza viene cacciato dal team da Rosa.

Le enormi vittorie del gruppo hanno attirato l’attenzione del responsabile della sicurezza di alcuni casinò dello stesso proprietario, un certo Cole Williams, che, anni a dietro, aveva già avuto a che fare con Rosa quando era il professore a contare le carte.

Ben, preso dal gioco, dalla relazione con Jill e dai soldi, inizia a trascurare i vecchi amici Miles e Cam, con i quali stava partecipando al concorso scientifico 209. La poca presenza di Campbell spinge i due a continuare il progetto senza di lui. Lo sconvolgimento emotivo di Ben lo rattristato e deconcentrano, così quel week-end, comincia a giocare senza contare, arrivando a perdere più di 200.000 dollari di Rosa, che si infuria, e Ben decide di lasciare il gruppo.

La rottura con il professor Rosa

In seguito il gruppo si lascia convincere a giocare, con Ben, senza la supervisione del professor Rosa. Inizialmente Ben giocava per pagarsi la retta universitaria e poi smettere, tuttavia Jill si rende conto che Ben aveva già raggiunto e superato la cifra necessaria, ma continuava a giocare.

Rosa, deluso dal team che lo ha abbandonato, decide di denunciare il gruppo a Cole Williams che riesce a prendere solo Ben, per poi condurlo in uno scantinato e picchiato. Tornato a Boston dopo il pestaggio, Ben trova la sua camera sottosopra e capisce di essere stato ripulito da Rosa che gli ha rubato i 315000 dollari che teneva nascosti in camera.

Ben decide quindi di chiedere aiuto a Jill e dopo essersi riconciliato con i vecchi amici, si presenta a casa di Rosa durante una festa e lo convince a tornare a Las Vegas e giocare insieme, così da guadagnare più di ogni altra volta.

All’apice della serata appare Cole, il gruppo inizia quindi a scappare e Rosa si fa passare il sacco con le fiche vinte durante la sera. Per poi scoprire, quando è ormai lontano, che il sacco conteneva monete di cioccolata.

Vi è a questo punto un flash back, e si scopre che Cole e Ben erano d’accordo per incastrare Rosa il quale, anni prima, aveva vinto in una sola sera, più di due milioni di dollari.

Cole dopo aver picchiato Ben e averlo convinto ad incastrare Rosa, aveva promesso a Ben che avrebbe potuto tenere i soldi della vincita e lo avrebbe aiutato a rientrare al college, tuttavia, una volta catturato Rosa, Cole chiede a Ben di consegnargli il denaro vinto.
Durante la confusione della fuga, Miles e Cam, avevano però continuato a giocare in sala, ed avevano comunque vinto un’ingente somma di denaro, di cui Cole non sapeva nulla.
Il film 21 si chiude nello studio del professore di Harvard, che ascolta senza parole il racconto di Ben.

Il nostro voto

Info sull'autore

Antonio

Lascia un commento